La pinza bolognese.

pinza bolognese

Nella mia corsa al post oggi scrivo di qualcosa che mi è particolarmente caro: la pinza bolognese, uno dei dolci preferiti in assoluto del mio papà.

La pinza non è un attrezzo, nè da meccanico nè da estetista, la pinza è il più classico dei dolci da credenza della mia città, preparato anticamente per le feste di Natale oggi si può trovare dal fornaio e nelle pasticcerie tutto l’anno.

È una ricetta così antica che se ne trova traccia in un volume del 1644 ( L’economia del cittadino in villa).

Pare che il termine “pinza” derivi dal rotolo di pasta che stringe il ripieno, ripieno che, tradizionalmente, è a base di mostarda bolognese ( anche detta marmellata nera).

La preparazione di questa mostarda, a base di arance, pere cotogne e mele cotogne più semi di senape, richiede un lavoro molto lungo, non sono in tanti ormai a prepararla a casa; fortunatamente dalle nostre parti viene venduta in vasetto: ce ne sono diverse marche, io uso questa in foto, suggeritami anni fa da un pasticcere di Bologna piuttosto noto di cui non farò il nome.

( La foto è cliccabile e porta a uno shop online che la vende, nel caso vogliate provare a fare la pinza in maniera rigorosa! 🙂

La ricetta dell’impasto l’ho presa da un libro intitolato “Cucina di frontiera”, scritto da Lucia Antonelli, chef de La taverna del cacciatore a Castiglion dei Pepoli, vincitrice di diverse edizioni di tOur- tlen ( il festival dedicato al tortellino), i cui tortellini sono davvero da fine del mondo.

cucina di frontiera lucia antonelli

Il libro è molto interessante, ricco di ricette tradizionali della nostra zona appenninica.

C’è anche la ricetta dei tortellini… Voglio provarla passo passo!!

Qui sul libro la ricetta è quella della brazadela (ciambella) ma si tratta di un impasto versatile, perfetto per la pinza.

Qui sul blog ho dimezzato le dosi, con quelle date ho realizzato una pinza per almeno dieci persone, è sparita in un giorno ma ho pensato di ridimensionare la ricetta per non sorprendervi con un dolce gigante!

Importantissimi sono gli zuccherini che vanno cosparsi in abbondanza sul dolce prima dell’infornata, non dimenticateli! 🙂

Print Recipe
Pinza bolognese.
Porzioni
6
Ingredienti
Porzioni
6
Ingredienti
Istruzioni
  1. Setacciate la farina col lievito in una ciotola, aggiungete lo zucchero e il burro e impastate velocemente fino ad avere un impasto sabbioso.
  2. Aggiungete l'uovo e la scorza grattugiata del mezzo limone, poi il latte 8potrebbe servirne meno o poco di più, a seconda della grandezza dell'uovo. Impastate solo quanto basta per amalgamare bene gli ingredienti.
  3. Trasferite l'impasto su una teglia coperta di carta forno e dategli la forma di un rettangolo. Coprite uniformemente il rettangolo di mostarda o confettura e richiudetelo prendendo i lati lunghi e ripiegandoli uno sull'altro.
  4. Cospargete la pinza di granella di zucchero e infornate a 170°C, forno statico, per 30/ 40 minuti. Si serve una volta raffreddata, tagliata a fette. È normale che sbricioli un po'.
Recipe Notes

Si conserva molto a lungo in un contenitore ermetico.

pinza bolognese

 

 

 

Comments

Be the first to comment.

Leave a Comment

You can use these HTML tags:
<a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>