Loading...

Piadina romagnola.

IMG_0895

Ho aperto il mio primo blog nel 2006 in una domenica di primavera noiosa e uggiosa.

Era ospitato su Splinder e quando questo ha annunciato la chiusura nel 2011 ho pensato fosse ora di crescere, darmi un nome che mi rispecchiasse di più, comprare un dominio mio.

Nacque così La Mora Romagnola, un sito personale con blog, molte ricette e pessime foto.

L’avventura è continuata fino ad oggi, giorno del mio primo post su WordPress, parte della grande famiglia di ifood cui sono giunta grazie alle Bloggalline.

Felice di essere qui, felice di contribuire nel mio piccolo a un progetto grande, ambizioso, colorato e bellissimo.

Nuovo layout, nuovo logo, nuovi tag e un blog tutto da riempire: ho deciso che ifood non meritava solo un mero passaggio di ricette ” da qua a là” e un restyling ma un nuovo inizio, una revisione completa delle ricette fatte fin’ora, nuove foto, nuovi post e addirittura la doppia lingua.

D’ora in avanti troverete post e ricetta sia in italiano che in inglese, non temete di perdere contenuti perchè mi metterò presto in pari riproponendo tutte le ricette più amate da me e da voi: per questo sto lavorando alacremente.

Ho pensato di dover scegliere una ricetta simbolica per questo nuovo inizio.

Ho scelto la piadina perchè, pur essendo emiliana, da ben quattordici anni condivido la mia vita con un romagnolo D.O.C. e questo cibo rappresenta casa, tradizione, amore.

Questa versione con esubero di pasta madre regala risultati spettacolari, se non possedete pasta madre potete ovviare con una bustina di lievito per torte salate o, in maniera più semplice e aderente alla tradizione, con un pizzico generoso di bicarbonato.

Print Recipe
Piadina romagnola.
Istruzioni
  1. Se usate il lievito madre mettetelo in una ciotola col latte o l'acqua e il miele o lo zucchero e frullatela col minipimer o scioglietela molto bene con una forchetta. Se usate il lievito setacciatelo semplicemente in mezzo alla farina.
  2. Impastate tutto fino ad avere una palla liscia, copritela con pellicola e mettetela in frigo per 3-4 ore.
  3. Formate delle palline da circa 150 gr, lasciatele riposare ancora mezz'oretta poi stendetele col mattarello.
  4. Mettetele una alla volta su una piastra o una padella già rovente, cuocete 2-3 minuti per parte facendo attenzione che non si brucino (basta un secondo!).
  5. Non fatele tutte assieme poi mangiatele, fatele una alla volta la piada deve essere caldissima e appena fatta!

 

 

You might also like

Comments (6)

Leave a Reply

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.