Loading...

Ristorante Maso Franch, Lavis (TN).

Ristorante Maso Franch, Lavis (TN).

Avrei dovuto scrivere questa recensione già da tempo.

A frenarmi, a parte la cronica mancanza di tempo, era la mancanza di foto accettabili da mettere a corredo del post.

Ho colmato questa lacuna e finalmente sono qui, felice di rendere onore al merito di una realtà laboriosa e molto curata.

Parto col dire che il Maso Franch è a Lavis, a pochi minuti da Trento e pochi minuti dall’omonima uscita dell’autostrada ma è immerso nel verde e gode di ampio spazio all’aperto che d’estate è piacevole anche nelle giornate calde.

È possibile anche pernottare qui ma ancora non mi è ancora capitata l’occasione.

Ho iniziato a venire in questo locale quando ancora c’era la vecchia gestione, un pranzo al ritorno da un week-end con la mia migliore amica ( che mi ha fatto conoscere il Maso) e mia sorella nel lontano 2016.

Mi sento di dire che col cambio di gestione è decisamente migliorato!

È ovviamente fuori zona per me quindi lo frequento al massimo due, tre volte all’anno ma non mi delude mai.

Questa estate, visto che eravamo a Trento per le vacanze, ho portato anche marito e figlio e sono stati felici quanto me.

Perché il Maso Franch, è bene dirlo, benché elegante e raffinato è children friendly: fasciatoio nel bagno, angolo giochi, menu dedicato.

I genitori possono così godersi una cena di tutto rispetto mentre i bambini si intrattengono coi giochi e i libri.

Veniamo al sodo: cosa si mangia?

La giovane chef cerca costantemente di valorizzare prodotti e cantine del territorio e ogni settimana, oltre al menu alla carta, è presente un menu speciale differente, generalmente di tre portate, dedicato a qualche tema ben preciso; ogni portata ha un calice di vino o grappa abbinato e si aggira sui trenta euro a persona.

L’ultima volta che sono andata il menu degustazione prevedeva, per darvi un’idea:

Code di gamberi viola con mozzarella di bufala e pane fatto in casa alle olive

Raetica Nosiola, Villa Persani

Risotto agli scampi, crema di melanzane e pomodorini confit

Aromatta, Villa Persani

Mousse al cioccolato caramellato, salsa all’ananas e peperoncino con briciole di meringa

Grappa “del mè/ d’or”, Distilleria Pilzer ( al posto di questa noi abbiamo provato il ” Nocciolino”, un liquore alla nocciola che ora voglio fortemente a casa!)

Se volete rimanere aggiornati sui menu settimanali potete iscrivervi alla newsletter: riceverete in anteprima le proposte.

È sempre a disposizione un menu alla carta che cambia con la stagione, quando sono andata con la famiglia io ho preso dei deliziosi spaghetti con una carbonara di mortadella trentina e spuma di ricotta e Andrea degli gnocchi al tartufo.

Anche in questo caso siamo rimasti più che soddisfatti.

Vi suggerisco calorosamente di inserirlo nella vostra bucket list di ristoranti da provare: per invogliarvi ancora di più a breve scriverò un ricco post su cosa fare a Trento e dintorni per un week- end super rilassante e gourmet!

You might also like

No Comments

Leave a Reply

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.